Percorso

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

La Radio fu proprio Amore.

Da sempre sono attratta dalla potenza del suono più che dall'inganno della vista. Nella vista non si percepisce l'onda che porta i colori. Nel suono si sente, come nel mare, il movimento dell'aria.

C'è nella voce un senso di Universo.

La vista è fantastica ma si completa nell'evoluzione dei sogni dove può creare il privilegio che è nell'idea e non nella materia.

La Radio resta lo strumento di comunicazione che più di qualsiasi altro ha sede vicina all'anima.

La parola e il suono della voce sono per me l'incanto, il principio e la veste del sentimento. Nei suoni c'è il sentire il mondo e l'aria è la via su cui si scrive il pensiero.

Feci tanta Radio da sentirmi felice. Comunicavo e la gente comunicava con me. Amavo la diretta dove tutto è fresco subitaneo, Improvvisato ma coordinato. Una sorta di Jazz molto elettrizzante dove i suoni i concetti e le emozioni si mischiano.

Tutti parlano ma pochi hanno il senso musicale dell'incontro delle voci.

Bisogna essere veloci a coordinare la parola con le risposte e da quelle trarne elementi nuovi e formare un tessuto ben intrecciato che crei attenzione ed emozione.

Tra i programmi più lunghi e famosi 7 anni di Via Asiago Tenda e poi la conduzione di tutto il pomeriggio di Radio2 con Giri di Boa in un mare d'Inverno e La Notte dei Misteri tutta la notte in diretta su RadioUno dal '95 al 2001. E tanti altri che non cito. Ho intervistato migliaia di persone personaggi e inventato decine di programmi e di rubriche. Ho riportato alla Radio Monica Vitti conducendo con lei 2 lunghi programmi e diventando la sua autrice unica per 2 anni.